Archivio della categoria: Uncategorized

Pagato in natura

A volte si arriva a convivere con i debiti a tal punto di non capire in che modo sarà davvero possibile richiedere informazioni e soprattutto riuscire a pagare tutto. In una storia di questo genere per molti il sesso non dovrebbe centrarsi nulla ma non nel mio caso, infatti, sono stata io ad offrirmi come “premio” al mio debitore.
Visto che da mesi dovevo pagare una fattura e non mi era possibile, ho deciso di presentarmi nell’azienda del mio fornitore e di parlare direttamente con lui. Le mie intenzioni erano serie, ho preso un appuntamento e sono stata portata al suo ufficio, ovviamente lui era in collera nei miei confronti e gli dava semplicemente fastidio vedermi.
Poi ad un certo punto arriva il momento della mia proposta, il debito non è altissimo ma lei desidera essere pagato e se la ripagassi in natura? Questa frase non è da dire a un uomo single e che non fa sesso da tempo, ovviamente lui ha chiuso immediatamente la porta a chiave per rimanere solo noi, pronti a parlare in maniera approfondita.
Inizialmente rimase senza parole e mi chiedeva se stessi scherzando, dopo 10 minuti di riflessione mi disse che per lui potevamo sistemare i conti come proposto da me, solo alle sue condizioni. Perfetto, sarei diventata la sua schiavetta personale in qualsiasi modo, non era facile da sopportare ma dovevo farlo per tirarmi fuori dai guai.
Per prima cosa mi chiese se ero capace di inginocchiarmi e leccargli il cazzo,ovviamente per me era una richiesta naturale, dovevo solo metterci passione. Iniziai a leccare tutto con calma e poco alla volta mi accorsi che lui apprezzava il mio modo di fare e che le possibilità disponibili potevano essere molteplici e ufficiali, per questo motivo le ipotesi migliori potevano essere essenziali : lui voleva di tutto da me.
Mi disse che ero brava e che nella vita avevo sicuramente succhiato tanti di quei cazzi, tanto da essere considerata meglio di una puttana. Ovviamente non potevo rispondere e ormai mi stavo eccitando e mi invogliavo parecchio a poter fare quello che mi indicava, velocemente mi accorsi che le possibilità disponibili erano tantissime.
Lui iniziò a darmi sculacciate decise che mi lasciarono senza potere, mi facevano sol eccitare e io amavo farmi scivolare il suo cazzo tra le labbra. Il mio debitore godeva tra la mia bocca e le mie mani ma non era contento, lui doveva avere tutto quello che desiderava per ripagare il mio debito.
Dopo un po’ di tempo passato a masturbarci a vicenda, mi accorgo di esser bagnata e che non mi serviva nemmeno una spinta, il suo cazzo mi penetrò senza problemi, mi basto sollevare la gonna per aver dimenticato il mio orgoglio e il mio debito.
Sentire la sua cappella viscida mi fece un effetto al quanto strano, il solco della passera era pronto ad accoglierlo e lui entrò senza problemi facendomi sussultare fin da subito. Il suo piacere non si fece attendere, le botte furono fin da subito decise e il suo cazzone continua a scivolare dentro senza problemi, mi apriva e mi chiudeva a suo piacimento.
Difficile e strano da dire ma non potevo fare a meno di lui in quel momento, stavo diventando tutta rossa e avevo una stravoglia di godimento intenso, qualcosa che non provavo da tempo. Visto che dovevo ripagare il mio debito l’avrei fatto nel migliore dei modi. Ansimavo di piacere e lui mi sbatteva mi faceva sentire delle sensazioni bellissime e fu li che avevo deciso di spogliarmi tutto.
Appena lui vide il mio seno si fermo, uscì il suo cazzo e prese a ficcarmelo in mezzo alle tette, nel giro di qualche secondo mi sborrò in faccia con la massima avidità. Poi mi lasciò così e inizio a leccarmi sotto il ponte di venere, lo fece in modo splendido a tal punto che sentivo che anche io poco alla volta sarei esplosa.
I miei seni sudati furono premuti e fu in quel momento che ho sentito il piacere inondare ogni parte della mia pelle, quindi mi sono lasciata andare al piacere intenso e incredibile che mi ha permesso di ottenere il massimo del godimento. Lui si chinò e mi diede un bacio sulla fronte: ” Sono sempre stato innamorato di te”.
Sono rimasta sorpresa ma ho cercato anche di non scompormi, siamo rimasti seduti sulla scrivani per riprenderci ma nel giro di un’ora la porta del suo ufficio non aveva nessuna intenzione di aprirsi. Tutti lo cercavano ma lui era pronto a rifare sesso con me, le mie tette erano enormi e lui non ne aveva mai viste di così grosse.
Per questo motivo mi invito a sedermi sul divano presente nel suo studio, in pelle dove io mi ritrovavo completamente nuda. Lui aveva intenzione di riempirla di nuovo, io non pensavo al rischio che correvo ma cercavo soltanto di piacere e di farmi assalire dalla voglia matta di vivere al meglio e sotto diversi punti di vista.
Mi fece sdraiare con la schiena ben appoggiata e le gambe divaricate, iniziò poco alla volta a lasciarmi il segno della sua lingua sulla vagina e mi dava dei piccoli colpetti poco alla volta, ritmici e costanti per farmi impazzire di piacere.
Devo ammettere che adoravo farmi leccare la figa, era il mio sport preferito nel tempo libero e avere questo servizio da un debitore era qualcosa che mi eccitava ancora di più. Non mi sono preoccupata di vivere quella sensazione, era la migliore che potevo mai vivere in quel momento.
Il divano era comodo e io sentivo la possibilità di poter avere un altro orgasmo per la prossima volta, probabilmente molto vicina. Il sapore dei miei umori vaginali era salato sentivo l’odore ma lui sembrava fregarsene, continuava ad andare piano con la sua lingua per infilarsi in tutti i lati.
Inizia la fase in cui la parte selvaggia di me prende il sopravvento, le possibilità disponibili erano quelle e non potevo perdere l’occasione. Lo implorai di leccarmela tutta fino alla fine, il suo cazzo di drizzo ancora una volta e non gli facevo schifo, anzi sembrava davvero attratto dal mio fisico, ovviamente la sua posizione preferita in questo caso, sarebbe stata quella di vivere fino alla fine con le mie gambe sulle spalle.
In quel modo sentivo benissimo tutto e forse anche in maniera troppo intensa, quindi mi preparai a ricevere un grande cazzo che mi avrebbe fatto anche male. Non ero pronta a quello e per un momento rimasi perplessa, non volevo avere un rapporto sadomaso, per fortuna quando entrai mi accorsi che le possibilità disponibili erano meno preoccupanti.
Per mia fortuna avevo beccato tanti cazzi nella mia vita per essere abbastanza larga anche per il suo, un nuovo modo di vivere al meglio il sesso era proprio quello di sconvolgere le opinioni e le abitudini. Non ero mai stata posseduta sul divano da parte di un uomo più grande e soprattutto con cui avevo un debito, questo rendeva tutto molto più eccitante e poco alla volta ho scoperto i piacere di un cazzo vero e duro.
Iniziò a chiamarmi troia a dirmi che voleva possedermi e che avrebbe fatto di tutto per farmi godere, non poteva di certo rinunciare alla sua possibilità di fare bella figura, mi sbatteva, mi girava e io lo lasciavo fare perché presa in balia dall’eccitazione.
Non avevo paura ne terrore volevo solo godere come una vacca, queste erano le possibilità migliori mai viste prima ed ad un certo punto mi accorsi che lui stava per esplodere per scoppiare ancora una volta insieme a me, quindi lasciatevi avvolgere da questa possibilità e di vivere nella situazione migliore che aveva sempre desiderato.

 

899.61.61.61

(numero basso costo da tutti i cellulari e sempre DAL VIVO)

 

Lo so che vuoi godere porco, gli gridavo e più gli dicevo così e più il suo cazzo si gonfiava, ad un certo punto non ho potuto fare a meno di sentire il suo sperma che mi inondava e mi permetteva di vivere al meglio la situazione che stavo vivendo. Ero come eccitata ma allo stesso tempo drogata di sesso, sentivo il piacere avvolgermi la mente e il corpo, non capivo più nulla ma venivo sbattuta in continuazione.

Ora era arrivato il momento di conoscere l’innovazione, lui esplose clamorosamente e fu in quel momento che vidi il cielo e le stelle, mi fece male con il suo cazzo più grosso di 18cm e mi inondò completamente. Era stato un pomeriggio di fuoco, di quelli difficili da dimenticare e che di certo non avrebbe aumentato nulla ma il debito era sparito in maniera ufficiale.
Ne avevo tratto vantaggio anche io, finalmente potevo dire di essere libera da ogni costrizione e in più avevo goduto come una vacca in calore. Non esisteva la possibilità di dimenticare una situazione del genere, dovevo solo pensare che il meglio per me poteva ancora venire, doveva venire e con lui al mio fianco.
La mia proposta aveva acceso una miccia tra noi che sicuramente doveva offrire il massimo sotto diversi punti di vista, questo significa che le possibilità offerte erano incredibili ma nessuno dei due li aveva mai considerate, arrivava il momento di lasciarsi andare e di vivere le situazioni nel modo migliore.
Lui aveva scoperto in me un’amante che aveva sempre desiderato, mentre io l’uomo più porco che avessi mai incontrato, sembrava tutto così complesso ma in realtà non lo era affatto. Per anni avevamo deciso di ignorarci ma tantissime persone non potevano fare a meno di vederci bene insieme.
Ad un certo punto ecco i vantaggi offerti da tutti e due, eravamo rimasti in buoni rapporti, godevamo come dei maiali a letto e non eravamo costretti ad avere una relazione potevamo fare quello che volevamo. La soluzione migliore che avevo mai desiderato si era finalmente avverata e permetteva a tutti di conoscere l’evoluzione del momento.
Quindi come rinunciare a questa offerta di sesso e libertà? Come i migliori tromba amici potevamo essere liberi di vedere chi volevamo e in qualsiasi momento. Il bello era essermi liberata dai debiti che mi assillavano, ovviamente di tanto in tanto mi chiedevo se la mia scelta avesse rovinato tutto e ora lui mi usava proprio una carta di credito.
Di certo a me non dispiaceva provare certe emozioni in sua compagnia, potevo finalmente sentirmi una vera donna e avere un padrone dominatore al mio fianco. Incredibile quante sorprese riserva la vita che per il momento non aveva mai dato nulla di prezioso ad entrambi, il destino voleva che fosse tutto semplice e che poco alla volta i vantaggi disponibili sarebbero stati incredibili, ovviamente le possibilità di ottenere un prestito da lui erano ormai remote.
Ero pronta a fare sacrifici e ha offrire i migliori servizi senza dover richiedere altri prestiti, questo era il desiderio maggiore che desideravo provare, ovviamente i vantaggi disponibili erano tantissimi per entrambi. Dopo ogni scopata con lui mi chiedevo se fosse davvero questo il mio destino, oppure se un giorno, ancora una volta i sentimenti sarebbero mutati e cambiati.
Non è facile capire che il mio desiderio iniziava ad essere sempre quello di averlo accanto, in ogni modo e momento, non importava dove e in che modo, potevo solo vivere la situazione con la sicurezza di avere un futuro migliore.
Lui non si dimenticò della sua frase ” Ti ho sempre nascosto che ti amo”, nel frattempo attendava una mia decisione e mi trattava come la sua mignotta personale, questo era il modo migliore per partire in quarta con una nuova avventura di sesso.
Il meglio doveva venire per entrambi anche se nessuno dei due sapeva quando, logico capire che le possibilità disponibili erano tantissime e che i vantaggi incredibili potevano concludersi bene per entrambi. Il sesso era diventato una valvola di sfogo dove rifugiare i propri pensieri ma dove sentirsi anche liberi di avere di tutto.
Difficile pensare a un futuro fino a quando mi sentivo trasformata come una vera puttana, di certo ero anche io ad ammettere di essere apprezzata per il mio modo di fare senza limiti e con estremi a livelli elevati di ogni genere.

- Bella 899

Desiderio Carnale

Ho sentito tante amiche parlare di desiderio carnale e di voglia di sesso fino allo stremo, non mi sono mai sentito un ragazzo di questo tipo, fino a quando non ricevetti la telefonata di una dolce amica appena lasciata dal ragazzo. L’ultima volta che l’avevo sentita era per Capodanno, stavano ancora insieme e tutto sembrava filar liscio poi il nulla.
Da ragazzini avevano avuto dei rapporti molto intensi che mi fanno eccitare ancora al solo pensiero, una ragazza docile ma allo stesso tempo aggressiva e pronta a tutto pur di esplodere di godimento. La sua chiamata mi ha colto alla sprovvista, infatti sembrava tesa e mi chiedeva di uscire insieme a cena, single e senza grandi programmi ovviamente egli ho detto di si.
Ci siamo incontrati solo noi due senza vecchie conoscenze per evitare di compromettere un’amicizia che dura ormai da tempo, di certo i sorrisi erano banali visto che tutti gli incontri avuti con lei erano finiti con grande sesso di qualità. Probabilmente avevo accettato anche per questo motivo con la speranza di avere grandi vantaggi per il fine serata.
L’interesse della mia amica nei mie confronti era decisamente innovativo e mi faceva sentire un vero uomo, la cena fu fantastica, il cibo di ottima qualità e ovviamente non mancavano i convenevoli spinti che mi fecero eccitare maggiormente. Lei è sempre stata una bella donna è sempre stato impossibile negarlo, l’occasione era ghiotta e dopo qualche bicchiere di vino in più ci ritrovammo in una stanza di un hotel a cinque stelle.
Entrambi abbiamo sempre amato il lusso e aveva scelto di chiacchierare per tutta la notte all’interno della vasca idromassaggio che era inclusa con la camera. Lei era già pronta per quella serata da tempo, infatti si era portata con sé un costume molto succinto, io avevo solo i boxer ma decisi di togliermi tutto per essere libero di rilassarvi.
Alla mia azione la sua bocca fece uno strano movimento e gli occhi si illuminarono per offrire dei vantaggi unici e incredibili in quella notte di pieno inverno. Eravamo completamente immersi dalle bolle con gli occhi chiusi, parlando di vecchi ricordi e del tempo passato, quando senti il suo profumo di rose invadermi il naso e per la prima volta dopo tanto tempo riscoprivo il suo corpo perfetto, con un seno imponente e lei che mi offriva tutto quello essenza limiti.
La voglia di succhiare i suoi capezzoli usciti fuori dal costume diventò ancora più forte ed ecco che il mondo si fermò. In quella fantastica suite d’albergo finalmente avrei potuto riscoprire i piacere del sesso. Ammetto di esser stato io ad entrare in azione, non potevo rinunciare a quel corpo voluminoso e avvolgente pronto a farmi sentire in paradiso.
Scesi verso le sue grandi labbra e mentre le baciavo il loco e i lobi delle orecchie, muovendo le dita la sentii venire senza scrupoli. Rimasi sorpreso da questo suo comportamento ma sapevo bene che lei era una donna insaziabile, così mi posizionai sopra di lei e provai a penetrarla, non fu difficile pur essendo in acqua, anzi scivolai dentro così bene da sentirmi subito tutto il suo calore addosso.
La voglia di averla era tanto e lei mi incitava a farle quello ch e volevo, mi ha detto che mi desiderava e così poco alla volta e piano piano, iniziai a muovermi avanti e indietro per offrirle dei vantaggi unici di piacere. La mia azione l’aveva portata a chiudere le gambe per provare maggiore piacere, il mio bastone era già entrato nella sua fica perché l’eccitazione era davvero elevata.
Ovviamente lei voleva sentire il mio cazzo sbatterla come non mai, mi aspettava da tempo e io non potevo di certo deluderla. Continuai a muovermi e i suoi umori erano intensi, la donna assecondava il movimento del mio corpo e i miei colpi diventarono sempre più forti.
Riuscivo a farla saltare tanto la sbattevo e aveva imparato a godere e farmi godere sbattendo la testa, per paura che si facesse male, le misi una mano dietro la nuca e continuavo a infierire da dentro. Lei non faceva altro che giocare con i suoi seni voluminosi, li stringeva li allargava e godeva come una vacca, non vedeva l’ora di provare le mie sensazioni per vedere come avrei reagito.
Non potevo fare a meno di sbatterla sempre più forte fino a farle ballare le sue tettone, mentre lei cercava di attaccarsi da qualche parte per non scivolare. Il sesso in una vasca idromassaggio molto grande non era di certo facile ma noi volevamo provare qualcosa di intenso e piacevole che penetrava la mente e la faceva scoppiare.
Per la foga lei era diventata rossa in viso e più passava il tempo e più rimaneva bloccata dalla frenesia del momento per eccitarsi maggiormente. Posso confermare di esser rimasto stupito per le sue sensazioni forti, era tremendamente bagnata e la sua clitoride invocava ancora di poter godere, il mio cazzo si era insinuato in una valle piena di umidità, volevo allargare tutto e lei mi sentiva.
Alla fine abbiamo deciso di asciugarci e di continuare tutto con assoluta comodità, lei mi implorò di farla scoppiare,era fradicia e zuppa di umori, la sentivo forte intorno al mio cazzo con tutta la voglia di sesso che aveva da tempo, il mio pene scomparve prima fra i suoi seni, con qualche energetica sbattuta, mentre tratteneva tutto con le mani ho iniziato a schizzare prima sul collo e poi sul seno.
Le era soddisfatta di questa prima reazione, quindi non fece a meno di invogliarmi a penetrarla per bene questa volta, allora inizia ad avvolgere con le mie braccia, invasi tutto il suo corpo con il mio calore e con la mia mazza e iniziai a farle vedere di cosa ero capace. Rimase sbalordita e ogni botta era un gemito di piacere intenso e che poteva variare di volta in volta.
Fare sesso con me era sempre un terno al lotto, una volta poteva venire in un modo e l’altra volta ancora diversamente ecco perché lei chiamava me quando si sentiva sola. La condussi in camera da letto, le tolsi l’accappatoio e inizia di nuovo tutto dall’inizio, spogliandola e lavorando i suoi seni, quella parte del suo corpo andava maneggiata con molta cura perché era in grado concludere troppo velocemente.
Mi impegnai a leccare, succhiare e mungere le sue poppazza ed ero sceso poco alla volta verso la sua fica, succhiandole delicatamente il clitoride, aveva ricominciato a gemere come una vacca e aveva scoperta che gli piacere essere dominata. Decisi di impostarla a pecora e senza parole le infilai il mio cazzo nel culo, mentre la inculavo con la mano le lavoravo il clitoride e lei continuava ad ansimare eccitandomi sempre di più.
Devo ammettere che le sensazioni provate furono molto intense e io non potevo fare a meno di smettere, a quel punto decisi che avrei goduto dentro al suo culo, a lei piaceva e l’eccitazione era davvero elevata, per questo motivo continuai senza esitazione.
Lei mi invogliava diceva di spingere e di dover vivere senza limiti e senza passione, la sua migliore occasione era quella di vivere al meglio sotto diversi punti di vista. Quindi percepii un gran calore e mi accorsi che l’orgasmo stava avendo la meglio su di me, lei mi disse di lasciarmi andare e di vivere al meglio quel momento intenso.
Dopo aver goduto come un porco decisi di darmi una sciacquata veloce, nemmeno il tempo di finire che lei, come una vera assatanata aveva deciso di godere senza limiti, le sensazioni che voleva provare erano quelle molto intense e desiderose di affetto.
Un desiderio speciale che solo un amante come me poteva desiderare, mi spingeva scatenata ed eccitata verso la sua figa, sembra di senti parlare di fobia pazzesca e io tentavo di rallentare i ritmi ma lei non voleva, provare a toglierle il penne dalla bocca ma lei non mollava, ora era lei la padrona mi condusse molto vicino all’orgasmo e poi prese il cazzo e io feci il resto.
Nessuna remissione, il mio seme fu sparso dentro la sua figa come un onda alta, il piacere mi fece godere come un ragazzino, gridai e lei insieme a me ebbe un orgasmo da paura, ero completamente bagnato lì sotto, il suo schizzo fu intenso ed era impossibile far finta di non sentirlo.
Il gioco del sesso era una delle sue abilità maggiori e per quanto provassi con tutta la mia abilità a riprendere il controllo della situazione, tutto mi sembrava essersi fermato. Ero drogato di sesso, fermo immobile con gli occhi chiusi respiravo affannosamente e sentivo tutto il piacere che mi invadeva il collo.
Dopo una mezzora di relax decidemmo di farci un bagno con un fantastico profumo di magnolia, ma non fu una buona idea anche li onorai per l’ennesima volta la sua vagina succhiandola sera limiti, un altro piacere intenso ci raggiunge anche li e quel corpo mi faceva tremare dal piacere.

 

899.61.61.61

(numero basso costo da tutti i cellulari e sempre DAL VIVO)

Tutto fu estremamente eccitante non potevo fare a meno di godere come un ragazzino, in un secondo di benessere ci accorgemmo che il piacere era durato tutta la giornata ed era già arrivata ora di cena. La voglia di mangiare era tanto e dopo tutto quel sesso era arrivato il momento di riprendere un po’ di energie.
Ovviamente entrambi abbiamo scelto un menu ricco di cibi afrodisiaci, il pesce ci faceva impazzire e lei amava il vino. Dopo un’intensa giornata di sesso fu il momento di pensare alla voglia di cibo, al bisogno di prendere le forze per godere senza limiti come avevamo fatto ma questa volta con delle specialità culinarie.
Un sorriso mi accompagna mentre masticavo e assaporavo il profumo di pesce fresco, lei continuava a guardarmi in quel modo eccitante che mi faceva impazzire le dissi che era la situazione più bella che avevo vissuto nell’ultimo periodo e che non potevo fare a meno di desiderare di riprovarla per diverse volte.
Dopo questa lunga giornata mi abbraccio stretto e mi bacio per ringraziarmi per le bellissime sensazioni che le avevo fatto provare, le sue tette sono un ricordo piacevole e che posso riprovare in qualsiasi momento, non potrà mai dimenticare una donna così che amava infilarsi il mio pene nelle sue grandi tette, sapeva benissimo che solo in quel modo potevo accedere al piacere intenso ma lei voleva solo il meglio per entrambi.
Forse eravamo due ninfomani ma non ci importava nulla, tutto questo era il piacere migliore che la vita ci potesse donare, non avevamo intenzione di perderlo. Esausti dopo una giornata di sesso di qualità e una deliziosa cena a base di cibi afrodisiaci ci addormentammo insieme nello stesso letto, per ricominciare a riprovare le stese emozioni il giorno successivo.
Prima di fare colazione lei assaggiò la mia brioche e io il suo bonbon, una nuova estasiante esperienza di sesso per ritornare a vivere la vita. Era il momento di ritornare al lavoro e mentre lei si ritirò per recarsi in ufficio, entrambi fummo consapevoli che volevamo rivederci per riprovare le stesse sensazioni.
Quindi non ho esitato a dirle no, ogni sera e weekend stiamo insieme per vivere le emozioni più belle del mondo che portano a godere senza limiti e con la voglia di qualcuno pronto ad offrire il massimo del suo corpo e della sua mente.
Sembra incredibile che un’amicizia possa essere trasformata in questo modo ma non c’è dubbio che una forte attrazione ci lega e ci rende legati anche se solo sessualmente. Troppe volte avevo rinunciato a quel piacere intenso che solo il vero sesso poteva offrire, ora era arrivato il momento di lasciarsi andare, di non pensare al domani ma di focalizzarsi principalmente nel modo in cui entrambi amavamo godere.
Un’amante perfetta per un ninfomane come me, sempre alla ricerca di nuove esperienze, di bellezze, bontà e tanto sesso puro. Il suo corpo perfetto e la sua voglia di me mi faceva sentire potente e per questo motivo iniziò un rapporto di solo sesso che ovviamente avvolgeva le menti di entrambe ogni giorno e ogni momento.

- Bella 899

Anime vogliose

Non vi è mai capitato di sentir parlare di anime vogliose? Io sono una di quelle, le persone che non hanno mai grandi sensazioni addosso ma quando sentono parlare di sesso si risvegliano dal loro torpore. La mia storia racconta di anime vogliose e allo stesso tempo dannate, sto con la mia ragazza da tempo e riusciamo a vederci solo nel fine settimana.
Un vero peccato per i nostri rapporti sessuali, anche se con l’arrivo del weekend la festa ha sempre inizio. Il nostro rapporto è strano, posso definirlo un misto di esso amore padronale, dove io ho sempre il ruolo dell’impositore e lei della schiavetta ma di certo le possibilità incredibili che proviamo sono qualcosa di decisamente interessante.
Non vedendo spesso la mia ragazza, questo sentimento mi fa stare male e ovviamente la mia fantasia viene fatta agitare da mille pensieri su come posso vivere al meglio il sesso più voluminoso mai visto fino ad ora. La mia idea di lei si basa sull’immaginazione all’interno di certi contesti, ovvero quelli osé dove lei non fa l’hostess ma la donna tutta per me e pronta a farmi divertire in qualsiasi modo.
Per questo motivo durante la settimana non faccio altro che acquistare oggetti o sexy toys che potrebbero stuzzicare la curiosità di patrizia e ovviamente non vedo l’ora di provarli insieme a lei. In poco tempo il fine settimana è arrivato e la mia ragazza è già pronta a cogliere l’attimo fuggente insieme a me.
Di certo se si presente con una mini gonna nera con una camicetta bianca con tanto di reggiseno in evidenza non posso fare a meno di saltarle addosso. Lei si fionda sul pacchetto che le porgo e scopre di aver ricevuto come regalo un bel fallo con tanto di vibrazione, da usare nelle nostre “sedute erotiche”.
Il nostro posto preferito per fare sesso è il mio ufficio che si trova al piano superiore della casa, di solito viene considerato un angolo privato e monotono per vivere le mie giornate di lavoro, ma nel fine settimana lo trasformo nel nostro “covo”, ricco di questioni sentimentali e di passioni intense.
Non posso fare a meno di accarezzarle i capelli quando vedo la sua aria divertita dal regalo ricevuto, inizio a baciarla con foga e lei si lascia prendere senza limiti e con la possibilità di valutare con attenzione la scelta migliore, a questo punto non ci resta che vivere intensamente l’attimo che verrà.
Le faccio dei succhiotti su tutto il corpo ma soprattutto sul collo, zona che lei adora, continuo senza sosta a farla impazzire e poco alla volta mi accorgo che lei è giù posseduta dal mio ardore. Si muove, geme e ad un certo punto allunga la mano per prendere il fallo finto e infilarselo nella figa, poco alla volta si accorge che la situazione non è mai stata quella provata.
Così prova insieme a me il suo nuovo giocattolo, la invito a provarlo a muoverlo come dico io, continuando a baciarla intensamente e senza alcun limite. Lei gode visibilmente ( sono felice di aver scelto il regalo giusto per lei e per noi) poi si toglie il cazzo finto dalla vagina e mi prende stringendomi a se, arriva nella zona dei mie boxer e le mani cercano il vero giocattolo già pronto all’uso.
La sua faccia stupita nel vedere tutto pronto mi fa sorridere ed eccitare allo stesso tempo, mentre inizia un gioco vorticoso delle nostre lingue e una erezione inevitabile da parte mia. Il mio cervello esplode e le sensazioni si fanno più forti ed intense, le mani iniziano a cercare i copri per saziare la fame di sesso che avvolge tutti.
Lei è pronta ad impossessarsi del mio sesso, lo stringe forte, lo segue, lo lecca e lo accarezza facendomi sentire un ragazzino inibito e pronto a tutto. Viene spontaneo fare un sospiro per mantenere con attenzione la concentrazione, devo essere pronto a fare il mio lavoro nel migliore dei modi.
La mia piccola ribelle è pronta a fare di tutto pur di farmi godere, ormai ha imparato la sua parte da vera troia che sa quanto mi fa impazzire. Da quanto ci conosciamo è diventata una vera attrice del linguaggio e posso solo cercare di contraccambiare in fretta per non farmi soccombere troppo.
I sospiri si fanno più intensi e la mano arriva sul pube per cercare il succoso nettare che amo, sempre e continuamente le mie mani scivolano veloci verso il miele più delizioso che io conosca e trovo una strada libera per dare vita a gemiti e azioni provocanti che mi invogliano a continuare questo gioco ricco di preliminari.
Senza accorgerci eccoci pronti a fare 69 nel modo più volgare che io conosca e con la possibilità di masturbarsi a vicenda guardandosi negli occhi, ad un certo punto sento che le mie mani si sono liberate e il mio cazzo è pronto a sfondarla, inizia la discesa verso il paradiso.

899.61.61.61

(numero basso costo da tutti i cellulari e sempre DAL VIVO)

Appoggio la mia faccia sul suo seno e sento tutto il colore e le labbra più carnose che ricordavo, una sensazione di benessere mi invade e mi dice di non fermarmi. I gemiti e gli ansimi continuano senza limiti, i vantaggi di poter essere da soli finalmente diventano reali e ogni momento sembra un lungo istante che non dovrebbe mai passare.
L’incantesimo dei nostri sguardi, viene interrotto dalla mia piccola ragazzina che si mette in ginocchio e mi lecca il pene, cerca di adattarsi alle mie esigenze e d’istinto le stringo i capelli. Non sento più nulla intorno a me, non penso al tempo che scorre, sento le sue mani che continuano a giocare sotto il mio sesso e i movimenti si fanno leggeri e poi intensi.
Ancora una volta lei alza la testa per guardarmi con quello sguardo vorace pronta a saltarmi addosso, probabilmente aspetta il mio segnale per scatenare l’inferno. Nel frattempo non ho mai smesso di tenerle la testa e di darle ordine, lei da brava schiavetta continua ad eseguire ogni mio desidero, basta un gesto o uno sguardo e lei capisce subito e senza problemi.
Ad un certo punto vedo i suoi occhi lucidi per il piacere che ormai è diventato sconvolgente, lei si sposta con le gambe ed è finalmente pronta per ricevere il premio vero, quello meritato e atteso da tutta la settimana. Sento il sangue scorrere veloce e la mia voglia in aumento, non smette di guardarmi e io decido di smettere di resistere.
La penetro e non accetto nessun distacco le mie gambe tremano per la passione e il tavolo dell’ufficio aiuta molto nella posizione. Ad un certo punto prendo fiato e attendo di sentire i suoi gemiti di piacere, il cuore che palpita e le sue labbra che hanno smesso di scappare, il godimento pervade i nostri corpi fino a non capire più nulla, in quel momento il tempo si ferma e la passione più incredibile si fa sentire e mi folgora come un fulmine a ciel sereno.
L’adrenalina è ancora intensa, lei gode mi inonda di piacere e finalmente esplodere insieme a me, tempismo perfetto proprio insieme a me vede il paradiso per qualche secondo, grida a squarciagola fregandosene dei vicini e ad un certo punto dice ” Si fammi esplodere”.
A quest’ordine non potevo di certo dire di no, la stringo forte a me e la sbatto con piacere fino a sentire il suo orgasmo dentro di me. Bastano pochi secondi ed ecco anche il mio, godimento intenso per chi ama vivere il sesso con piacere, sento le vibrazioni, godo e tremo dal piacere e improvvisamente sento che tutto questo è davvero possibile. Un piacere intenso ha pervaso il nostro weekend, ancora una volta con il turbine della passione che si è fatto sentire per offrirci un momento di pace dopo una settimana di pausa.
Non posso dirle che è stata bravissima e che mi ha reso l’uomo più felice del mondo, continuo a guardarla estasiato è diventata molto brava. Lei ringrazia me, il suo maestro del sesso e dopo averle smesso di tirarle i cappelli lei si alza e mi da un bacio ricco di passione.
Io mi sposto e mi siedo sulla poltrona da studio, mi lascio andare al piacere del dopo sesso, non fumo e preferisco godermi ad occhi chiusi questa fantastica sensazione che mi travolge senza limiti. Il suo dolce fiore ancora una volta si è dischiuso per me e per l’eccitazione che ogni fine settimana proviamo.
Ripenso ancora ai gemiti di eccitazione e di soddisfazione, i sospiri di partecipazione, gli scatti febbrili dei fianchi e il tentativo di stringere le cosce per accedere a tutto il godimento che ho sempre desiderato. Una donna capace di mostrarsi tanto indifesa che vogliosa di sesso, lei è la mia piccola dominatrice e schiavetta allo stesso tempo.
Ci piace cambiare atteggiamenti e non è mai solo lei la padrona o solo io il dottore del sesso, cambiamo ci alterniamo e ci lasciamo andare al turbine di quello che desideriamo. Delle volte alle nostre sperimentazioni, mi piace aggiungere le dita o la lingua nella sua figa, per vederla sussultare per scoprire posti che non abbiamo mai provato ed eccitazioni che hanno sempre permesso di ottenere il massimo sotto diversi punti di vista.
Delle volte lei si chiede che cosa gli stia facendo, si vergogna e diventa una tenera bambina da prendere per le codine e da sbattere selvaggiamente. Adoro quando diventa rossa e mi piace sculacciarla, in fondo lo faccio con la consapevolezza che lei lo vuole, certo si vergogna un po’ e non demorde ma di certo le ipotesi disponibili sono tantissime e vivono la situazione al meglio delle nostre possibilità.
A volte la imploro di dirmi alcune frasi , di farmi sentire uomo e di essere selvaggia, dipende dal suo carattere ma sicuramente le possibilità di ottenere dei vantaggi incredibili ed eccitanti mi fanno impazzire, quindi perché non valutare con attenzione la scelta migliore per godere senza limiti, con mille possibilità e con la voglia di offrire dettagli al nostro rapporto?
A quel punto lei diventa selvaggia, mi offre mille possibilità e mi chiede di leccargli la figa, il suo desiderio più incontrollabile è quello di venirmi in bocca come a volte faccio io con lei. In quei momenti non posso fare altro che seguire l’istinto, le prendo le cosce, le riporto sopra le spalle e primo inizio ad entrare con un dito per farla sobbalzare,poi con la lingua per farle provare piacevoli sensazioni, mentre le labbra si avvinghiano in un unione di labbra e il suo supplizio ha inizio.
I suoi si e le parole che dice mi fanno impazzire, perdono i suoi movimenti e non riesco a fermarmi nemmeno un momento. Siamo solo io, lei e la mia lingua per provare piacere senza limiti e con la possibilità di vivere dei secondi interessanti e diversi.
Il piacere di vivere tutto questo mi fa impazzire, mi avvolge e mi travolge ogni volta, se non fosse per la fine che arriva troppo presto, nonostante i nostri rapporti durino anche un paio di ore. Ad ogni fine rapporto abbiamo tante promesse proposte e ringraziamenti reciproci, io continuo a lasciarla andare senza limiti e con la possibilità di sentirmi chiamare padrone,
Mi accontento di poco alla fine e ridiamo insieme le carezze sono la felicità della nostra coppia, quindi perché non desiderare nulla di meglio, la passione ci travolge ogni volta in maniera più forte, le possibilità disponibili sono incessanti e ancora una volta siamo lieti di sapere che non finirà mai una passione di questo genere, nonostante i chilometri che ci dividono.
Sarà la lontananza a renderci così estremi? Probabilmente sì, di certo se un giorno abiteremo insieme, l’intensità dei rapporti sarà la stessa e anche se si concluderanno solo una volta alla settimana, sarò felice di poter provare queste incredibili e forti sensazioni insieme a lei, in ogni attimo della mia vita.
Come vedete non c’è dietro solo sesso ma anche amore e pensieri per il futuro, la felicità del sesso e di una coppia felice sono importanti per noi.

- Bella 899