L’emozione di una storia erotica telefonica

L’emozione di una storia erotica telefonica

Era una giornata molto bella per fare un giro in moto, per questo motivo decisi di andare a vistare una cittadina vicina in quella fantastica domenica ricca di calore e di emozioni. Non era mio abitudine fare giri di questo tipo eppure decisi che quel giorno qualcosa mi spingeva a farlo.

Arrivato all’incrocio che portava al mio bar preferito una macchina guidata da una giovane donna si bloccò in mezzo alla strada e fui costretto ad arrestarmi. La ragazza scese immediatamente dall’auto vettura e il primo colpo arrivò dai suoi occhi verdi splendenti che mostravano molto sicurezza, appena mi guardò sentii subito una strana sensazione di attrazione ma feci finta di nulla.

Mi chiese scusa ma io sorrisi e mi presentai invitandola a casa mia per parlare del problema alla macchina, non mi ricordo il motivo di questo mio comportamento ma fu istantaneo e immediato. Mi sentii strano e allo stesso tempo eccitato di averla invitata a casa mia. Quando entrammo in casa le chiesi maggiori informazioni sul guasto e le offrii da bere, la ragazza mi guardava in un modo molto provocante che mi colpì e probabilmente fu da quel momento che si accese l’intesa.

Mi sentivo come se fossi un ragazzino, con il sangue che pompava a mille e invece di sentire la conversazione, l’unico mio pensiero era quello del mio cazzo che aveva voglia di fare sesso con lei. Anche se ero cosciente che qualcosa non andava, non mi importava il desiderio di lei era troppo forte, un incontro clandestino che mi avrebbe portato tanta gioia.

A quel punto iniziai a sentire il mondo intorno a me come se fosse ovattato, distante e le parole ormai inutili. Il suo profumo era l’unica cosa che sentivo, alito fresco e di capelli puliti mi invitavano ad avvicinarmi a lei. Senza pensarsi e quasi senza accorgermene eravamo sul letto, Eleonora aveva un viso timido ma allo stesso tempo curioso, forse pensava alla mia opinione nei suoi confronti ma non c’èra molto da dire, eravamo rapiti l’uno dall’altra.

Il mio corpo era in preda all’istinto primordiale e la sua bocca invitante iniziò a baciarmi, da quel momento non capii più nulla ero rapito dalla sua bellezza e mi sembrava di baciare un fiore profumatissimo e desideroso di essere raccolto. Il nostro incontro clandestino si trasformò in baci più caldi, carezze lievi e poi sentii l’impulso di prenderla adagiandola sul letto e aprendole con gentilezza le gambe.

La sua tensione era visibile ma la voglia di penetrarla e di farle sentire il mio cazzo era fortissima, appena sfiorai il suo clitoride iniziò il vero piacere, inizialmente Eleonora trattenne le gambe, come se volesse tenermi fuori, poi all’improvviso si avvinghiò a me e il suo corpo caldo mi fece sussultare.

Fui travolto dai suoi fianchi larghi e accoglienti i senti palpitavano per essere toccati e le sue labbra erano così accoglienti. La provocazione di strofinare il suo corpo sul mio mi fece impazzire, tutto ad un tratto lei si inginocchio davanti a me e io le leccai prima il collo, poi i capezzoli e le feci capire quanta voglia bestiale avevo di lei.

Non potevo negare di sentirmi duro ed eccitato e quello fu il momento perfetto per iniziare a penetrarla da dietro, la presi con calma e all’improvviso si spanse in me una sensazione di accogliente umidità. Il mio corpo fece tutto da solo, inizio a muoversi avanti e indietro, poco alla volta sentivo salire un orgasmo profondo e totale,lei avverti la stessa sensazione e per un momento esitò.

Cercai di trattenermi ma la voglia di venirle dentro era troppo forte, lei da una parte sembrava voler esplodere di piacere con me, dall’altra sembrava aver paura visto che tutto era successo così all’improvviso, senza alcuna protezione e lo sforzo di trattenermi era davvero elevato.

Ad un certo punto non riuscì a trattenermi il piacere era troppo intenso e così mi lascia andare al piacere del sesso estremo un turbine di sensazioni mi fece sentire in paradiso, poi lei probabilmente presa dalla paura si scostò e l’ultima parte del mio sperma le inondò la schiena e le cosce calde e accoglienti.

899.61.61.61

(numero basso costo da tutti i cellulari e sempre DAL VIVO)

Lei aveva avuto un orgasmo molto intenso, la sentii sussultare mentre mi abbandonavo al piacere del sesso estremo che per la prima volta avevo sperimentato con una donna sconosciuta ma talmente ammaliante da lasciarmi senza parole.

Incredibile come un incontro causale collegato al guasto di una macchina, si trasformò in qualcosa di diverso e di intenso come un rapporto di sesso non protetto e selvaggio. A volte capita così di ritrovarsi in situazioni che non si sarebbero mai pensate e devo dire che Eleonora era molto stranita quanto me.

La voglia irrefrenabile ci aveva fatto sussultare, emozionare e godere e ora ci trovavamo uno accanto all’altro come una normalissima coppia a parlare di quanto è strano il destino e quanto possa essere avvolgente un colpo caldo voglioso di sesso.

Ci alzammo e facemmo la doccia insieme toccandoci ancora, la sensazione di attrazione era ancora più forte e fu per la seconda volta che la penetrai sotto l’acqua con un’altra esplosione di piacere intenso che avvolse entrambi e ci fece sentire dei ragazzini.

Alla fine della giornata fu il momento di pensare al danno alla macchina, solo un problema di batteria che una volta sostituita funzionava benissimo come prima. Un problema innocuo che aveva permesso di conoscere il vero piacere del sesso e del piacere intenso, fu un attimo fuggente che andava provato e riprovato diverse volte fino a quanto il momento non fosse arrivato.

Entrambi non eravamo pentiti anzi felici di aver provato questa voglia di erotismo senza nemmeno conoscerci, qualcosa di incredibile che nessuno dei due pensava di poter provare e che invece avvolse completamente le nostre vite.

Un incontro fugace che si concluse con una cena a lume di candela, cosa sarebbe successo dopo era impossibile prevederlo, forse sarebbe stato solo un incontro di sesso previsto dal destino, di certo fu l’occasione più bella della mia vita per sentirmi vivo.

- Bella 899