Anime vogliose

Non vi è mai capitato di sentir parlare di anime vogliose? Io sono una di quelle, le persone che non hanno mai grandi sensazioni addosso ma quando sentono parlare di sesso si risvegliano dal loro torpore. La mia storia racconta di anime vogliose e allo stesso tempo dannate, sto con la mia ragazza da tempo e riusciamo a vederci solo nel fine settimana.
Un vero peccato per i nostri rapporti sessuali, anche se con l’arrivo del weekend la festa ha sempre inizio. Il nostro rapporto è strano, posso definirlo un misto di esso amore padronale, dove io ho sempre il ruolo dell’impositore e lei della schiavetta ma di certo le possibilità incredibili che proviamo sono qualcosa di decisamente interessante.
Non vedendo spesso la mia ragazza, questo sentimento mi fa stare male e ovviamente la mia fantasia viene fatta agitare da mille pensieri su come posso vivere al meglio il sesso più voluminoso mai visto fino ad ora. La mia idea di lei si basa sull’immaginazione all’interno di certi contesti, ovvero quelli osé dove lei non fa l’hostess ma la donna tutta per me e pronta a farmi divertire in qualsiasi modo.
Per questo motivo durante la settimana non faccio altro che acquistare oggetti o sexy toys che potrebbero stuzzicare la curiosità di patrizia e ovviamente non vedo l’ora di provarli insieme a lei. In poco tempo il fine settimana è arrivato e la mia ragazza è già pronta a cogliere l’attimo fuggente insieme a me.
Di certo se si presente con una mini gonna nera con una camicetta bianca con tanto di reggiseno in evidenza non posso fare a meno di saltarle addosso. Lei si fionda sul pacchetto che le porgo e scopre di aver ricevuto come regalo un bel fallo con tanto di vibrazione, da usare nelle nostre “sedute erotiche”.
Il nostro posto preferito per fare sesso è il mio ufficio che si trova al piano superiore della casa, di solito viene considerato un angolo privato e monotono per vivere le mie giornate di lavoro, ma nel fine settimana lo trasformo nel nostro “covo”, ricco di questioni sentimentali e di passioni intense.
Non posso fare a meno di accarezzarle i capelli quando vedo la sua aria divertita dal regalo ricevuto, inizio a baciarla con foga e lei si lascia prendere senza limiti e con la possibilità di valutare con attenzione la scelta migliore, a questo punto non ci resta che vivere intensamente l’attimo che verrà.
Le faccio dei succhiotti su tutto il corpo ma soprattutto sul collo, zona che lei adora, continuo senza sosta a farla impazzire e poco alla volta mi accorgo che lei è giù posseduta dal mio ardore. Si muove, geme e ad un certo punto allunga la mano per prendere il fallo finto e infilarselo nella figa, poco alla volta si accorge che la situazione non è mai stata quella provata.
Così prova insieme a me il suo nuovo giocattolo, la invito a provarlo a muoverlo come dico io, continuando a baciarla intensamente e senza alcun limite. Lei gode visibilmente ( sono felice di aver scelto il regalo giusto per lei e per noi) poi si toglie il cazzo finto dalla vagina e mi prende stringendomi a se, arriva nella zona dei mie boxer e le mani cercano il vero giocattolo già pronto all’uso.
La sua faccia stupita nel vedere tutto pronto mi fa sorridere ed eccitare allo stesso tempo, mentre inizia un gioco vorticoso delle nostre lingue e una erezione inevitabile da parte mia. Il mio cervello esplode e le sensazioni si fanno più forti ed intense, le mani iniziano a cercare i copri per saziare la fame di sesso che avvolge tutti.
Lei è pronta ad impossessarsi del mio sesso, lo stringe forte, lo segue, lo lecca e lo accarezza facendomi sentire un ragazzino inibito e pronto a tutto. Viene spontaneo fare un sospiro per mantenere con attenzione la concentrazione, devo essere pronto a fare il mio lavoro nel migliore dei modi.
La mia piccola ribelle è pronta a fare di tutto pur di farmi godere, ormai ha imparato la sua parte da vera troia che sa quanto mi fa impazzire. Da quanto ci conosciamo è diventata una vera attrice del linguaggio e posso solo cercare di contraccambiare in fretta per non farmi soccombere troppo.
I sospiri si fanno più intensi e la mano arriva sul pube per cercare il succoso nettare che amo, sempre e continuamente le mie mani scivolano veloci verso il miele più delizioso che io conosca e trovo una strada libera per dare vita a gemiti e azioni provocanti che mi invogliano a continuare questo gioco ricco di preliminari.
Senza accorgerci eccoci pronti a fare 69 nel modo più volgare che io conosca e con la possibilità di masturbarsi a vicenda guardandosi negli occhi, ad un certo punto sento che le mie mani si sono liberate e il mio cazzo è pronto a sfondarla, inizia la discesa verso il paradiso.

899.61.61.61

(numero basso costo da tutti i cellulari e sempre DAL VIVO)

Appoggio la mia faccia sul suo seno e sento tutto il colore e le labbra più carnose che ricordavo, una sensazione di benessere mi invade e mi dice di non fermarmi. I gemiti e gli ansimi continuano senza limiti, i vantaggi di poter essere da soli finalmente diventano reali e ogni momento sembra un lungo istante che non dovrebbe mai passare.
L’incantesimo dei nostri sguardi, viene interrotto dalla mia piccola ragazzina che si mette in ginocchio e mi lecca il pene, cerca di adattarsi alle mie esigenze e d’istinto le stringo i capelli. Non sento più nulla intorno a me, non penso al tempo che scorre, sento le sue mani che continuano a giocare sotto il mio sesso e i movimenti si fanno leggeri e poi intensi.
Ancora una volta lei alza la testa per guardarmi con quello sguardo vorace pronta a saltarmi addosso, probabilmente aspetta il mio segnale per scatenare l’inferno. Nel frattempo non ho mai smesso di tenerle la testa e di darle ordine, lei da brava schiavetta continua ad eseguire ogni mio desidero, basta un gesto o uno sguardo e lei capisce subito e senza problemi.
Ad un certo punto vedo i suoi occhi lucidi per il piacere che ormai è diventato sconvolgente, lei si sposta con le gambe ed è finalmente pronta per ricevere il premio vero, quello meritato e atteso da tutta la settimana. Sento il sangue scorrere veloce e la mia voglia in aumento, non smette di guardarmi e io decido di smettere di resistere.
La penetro e non accetto nessun distacco le mie gambe tremano per la passione e il tavolo dell’ufficio aiuta molto nella posizione. Ad un certo punto prendo fiato e attendo di sentire i suoi gemiti di piacere, il cuore che palpita e le sue labbra che hanno smesso di scappare, il godimento pervade i nostri corpi fino a non capire più nulla, in quel momento il tempo si ferma e la passione più incredibile si fa sentire e mi folgora come un fulmine a ciel sereno.
L’adrenalina è ancora intensa, lei gode mi inonda di piacere e finalmente esplodere insieme a me, tempismo perfetto proprio insieme a me vede il paradiso per qualche secondo, grida a squarciagola fregandosene dei vicini e ad un certo punto dice ” Si fammi esplodere”.
A quest’ordine non potevo di certo dire di no, la stringo forte a me e la sbatto con piacere fino a sentire il suo orgasmo dentro di me. Bastano pochi secondi ed ecco anche il mio, godimento intenso per chi ama vivere il sesso con piacere, sento le vibrazioni, godo e tremo dal piacere e improvvisamente sento che tutto questo è davvero possibile. Un piacere intenso ha pervaso il nostro weekend, ancora una volta con il turbine della passione che si è fatto sentire per offrirci un momento di pace dopo una settimana di pausa.
Non posso dirle che è stata bravissima e che mi ha reso l’uomo più felice del mondo, continuo a guardarla estasiato è diventata molto brava. Lei ringrazia me, il suo maestro del sesso e dopo averle smesso di tirarle i cappelli lei si alza e mi da un bacio ricco di passione.
Io mi sposto e mi siedo sulla poltrona da studio, mi lascio andare al piacere del dopo sesso, non fumo e preferisco godermi ad occhi chiusi questa fantastica sensazione che mi travolge senza limiti. Il suo dolce fiore ancora una volta si è dischiuso per me e per l’eccitazione che ogni fine settimana proviamo.
Ripenso ancora ai gemiti di eccitazione e di soddisfazione, i sospiri di partecipazione, gli scatti febbrili dei fianchi e il tentativo di stringere le cosce per accedere a tutto il godimento che ho sempre desiderato. Una donna capace di mostrarsi tanto indifesa che vogliosa di sesso, lei è la mia piccola dominatrice e schiavetta allo stesso tempo.
Ci piace cambiare atteggiamenti e non è mai solo lei la padrona o solo io il dottore del sesso, cambiamo ci alterniamo e ci lasciamo andare al turbine di quello che desideriamo. Delle volte alle nostre sperimentazioni, mi piace aggiungere le dita o la lingua nella sua figa, per vederla sussultare per scoprire posti che non abbiamo mai provato ed eccitazioni che hanno sempre permesso di ottenere il massimo sotto diversi punti di vista.
Delle volte lei si chiede che cosa gli stia facendo, si vergogna e diventa una tenera bambina da prendere per le codine e da sbattere selvaggiamente. Adoro quando diventa rossa e mi piace sculacciarla, in fondo lo faccio con la consapevolezza che lei lo vuole, certo si vergogna un po’ e non demorde ma di certo le ipotesi disponibili sono tantissime e vivono la situazione al meglio delle nostre possibilità.
A volte la imploro di dirmi alcune frasi , di farmi sentire uomo e di essere selvaggia, dipende dal suo carattere ma sicuramente le possibilità di ottenere dei vantaggi incredibili ed eccitanti mi fanno impazzire, quindi perché non valutare con attenzione la scelta migliore per godere senza limiti, con mille possibilità e con la voglia di offrire dettagli al nostro rapporto?
A quel punto lei diventa selvaggia, mi offre mille possibilità e mi chiede di leccargli la figa, il suo desiderio più incontrollabile è quello di venirmi in bocca come a volte faccio io con lei. In quei momenti non posso fare altro che seguire l’istinto, le prendo le cosce, le riporto sopra le spalle e primo inizio ad entrare con un dito per farla sobbalzare,poi con la lingua per farle provare piacevoli sensazioni, mentre le labbra si avvinghiano in un unione di labbra e il suo supplizio ha inizio.
I suoi si e le parole che dice mi fanno impazzire, perdono i suoi movimenti e non riesco a fermarmi nemmeno un momento. Siamo solo io, lei e la mia lingua per provare piacere senza limiti e con la possibilità di vivere dei secondi interessanti e diversi.
Il piacere di vivere tutto questo mi fa impazzire, mi avvolge e mi travolge ogni volta, se non fosse per la fine che arriva troppo presto, nonostante i nostri rapporti durino anche un paio di ore. Ad ogni fine rapporto abbiamo tante promesse proposte e ringraziamenti reciproci, io continuo a lasciarla andare senza limiti e con la possibilità di sentirmi chiamare padrone,
Mi accontento di poco alla fine e ridiamo insieme le carezze sono la felicità della nostra coppia, quindi perché non desiderare nulla di meglio, la passione ci travolge ogni volta in maniera più forte, le possibilità disponibili sono incessanti e ancora una volta siamo lieti di sapere che non finirà mai una passione di questo genere, nonostante i chilometri che ci dividono.
Sarà la lontananza a renderci così estremi? Probabilmente sì, di certo se un giorno abiteremo insieme, l’intensità dei rapporti sarà la stessa e anche se si concluderanno solo una volta alla settimana, sarò felice di poter provare queste incredibili e forti sensazioni insieme a lei, in ogni attimo della mia vita.
Come vedete non c’è dietro solo sesso ma anche amore e pensieri per il futuro, la felicità del sesso e di una coppia felice sono importanti per noi.

- Bella 899